venerdì, Febbraio 26, 2021
Tempo di lettura: 3 minuti

Finalmente è arrivata la consacrazione per Francesco Martucci e la sua I Masanielli, in provincia di Caserta, che è stata nominata migliore pizzeria d’Italia da 50 Top Pizza. A onor del vero, anche lo scorso anno I Masanielli aveva conquistato la vetta della classifica, condividendo però il primo posto ex aequo con Pepe in Grani di Franco Pepe.

I criteri di valutazione

La classifica è stilata, come detto in precedenza, dalla guida online 50 Top Pizza, che da 4 anni premia le migliori pizzerie secondo criteri di valutazione ben precisi. In particolar modo, come si può leggere sul loro sito, gli ispettori passano sotto esame :

  • La pizza, dalla digeribilità alla materie prime utilizzate
  • Servizio e ambiente
  • Le carte dei vini e delle birre, nell’ultimo caso prediligendo le proposte artigianali
Logo di 50 Top Pizza (50TopPizza)

E, inoltre:

“Tenendo conto anche della compatibilità ambientale, si privilegia chi ha un progetto di pizza preciso che viene realizzato, al di là degli stili, con coerenza e senza inseguire le mode del momento”.

I Masanielli e l’evoluzione della pizza

Il progetto de I Masanielli, parte da lontano, precisamente il 19 marzo 2001, quando la pizza era servita esclusivamente da asporto. Nel 2012 è stato aperto il primo locale con 70 posti a sedere, fino ad arrivare all’attuale sede, con circa 150 coperti e una cucina progettata per la sperimentazione. Basti pensare che sono presenti circa 18 frigoriferi, al fine di conservare al meglio tutte le materie prime utilizzate nelle varie pizze.

Oltre a queste però, la sperimentazione interessa la pizza, dagli impasti ad altissima idratazione e quindi molto digeribili, alle cotture. Alcune delle pizze in carta infatti, spiccano per le loro “tre cotture”: cotte prima a vapore, a 100º, poi fritte a 180º, infine tostate a bocca di forno a 400ºC.

Tra queste vi è anche la “Futuro di Marinara”, una rivisitazione della marinara casertana, con acciughe, capperi , aglio e origano che ha vinto il premio di pizza dell’anno.

La Futuro di Marinara (Identità Golose)

Si susseguono poi le pizze al forno tradizionali, che sono un misto tra tradizione innovazione, strizzando l’occhio alla cucina contemporanea. L’esempio più lampante è l’omaggio di Martucci a Massimo Bottura con la 4 parmigiani in 4 consistenze, che riprende il famoso piatto dello chef.

La 4 parmigiani in 4 consistenze (I Masanielli)

Alla base vi è del fiordilatte, a seguire un parmigiano grattugiato stagionato 22 mesi, delle scaglie di 24 mesi, una spuma di 30 mesi realizzata con il sifone e una cialda croccante di un 38 mesi.

Con queste premesse I Masanielli potrebbe diventare la prima pizzeria ad ottenere una stella della guida Michelin.

Se cercate altri approfondimenti legati al mondo del cibo, seguite Posizione Zero anche su Facebook ed Instagram e troverete molte altre informazioni!

Tags: ,
Faccio l'ingegnere in attesa di partecipare a Masterchef e poi aprire un bistrot tutto mio!

Related Article

0 Comments

Rispondi