venerdì, Febbraio 26, 2021
Tempo di lettura: 3 minuti

Lo scorso 24 Settembre il gigante dell’e-commerce ha svelato il suo nuovo servizio di gioco in streaming: Amazon Luna.

Le caratteristiche

Luna è il nuovo servizio di Amazon per il game streaming. Con un annuncio a sorpresa, il gigante di Seattle ha svelato il suo ingresso nel ring del mondo videoludico. Dopo aver debolmente tentato di lanciare dei giochi prodotti in casa, Amazon ha deciso di sfruttare la sua posizione dominante nel cloud computing per proporre una nuova soluzione di gioco in streaming.

Luna permetterà agli utenti di giocare in streaming da smartphone, Mac, PC e tablet. Molto interessante l’arrivo anche su iOS, dove gli utenti potranno accedere al servizio tramite il browser, aggirando così le restrizioni legate all’applicazioni sui dispositivi Apple.

Luna sarà basato su Windows e sfrutterà la potenza dei server AWS, la più popolare piattaforma di cloud computing al mondo. A livello tecnico si avvarrà di una CPU Intel Cascade Lake e una GPU NVidia T4 con supporto al DirectX ray-tracing ed una potenza di 8,1 TFLOPs. Questa configurazione, per ora, permetterà agli utenti di giocare con una risoluzione di 1080. con il supporto al 4K previsto per il futuro. Da segnalare che ad ora Amazon Luna sarà disponibile sul solo territorio statunitense.

Come fatto da Google per il suo servizio Stadia, Amazon ha presentato anche un controller in grado di collegarsi direttamente ad internet per ridurre al minimo la latenza. Una soluzione di questo genere, inoltre, permette di cambiare il dispositivo su cui si gioca senza dover accoppiare il controller.

Il controller di Amazon Luna. Fonte

È stato annunciata anche l’integrazione con Twitch, dove gli utenti potranno lanciare i giochi direttamente dalle trasmissioni che seguono sul sito. Soluzione simile a quella promessa (e non ancora implementata) da Google per Stadia e YouTube.

Il prezzo

Il prezzo annunciato è di 5.99$ al mese per accedere alla piattaforma con circa 100 giochi inclusi nel prezzo. Tra questi troviamo Assassin’s Creed Valhalla, Resident Evil 7 e A Plague Tale: Innocence, e molti altri.

L’aspetto più interessante è la volontà annunciata di offrire pacchetti tematici o per publisher. In pratica, sarà possibile pagare un prezzo maggiorato per avere accesso a determinate raccolte di giochi, come ad esempio tutti i giochi Ubisoft. Questo modello di pagamento differenzia Amazon Luna da tutti gli altri player, avvicinandola alle TV a pagamento come Sky, dove si può decidere che pacchetto acquistare in base ai propri interessi. Se da un lato questo può portare ad un risparmio per il consumatore che seleziona solo alcuni pacchetti, dall’altro chi volesse tutti i giochi a disposizione potrebbe trovarsi a pagare molto più rispetto ad altre soluzioni come Stadia o XCloud.

L’analisi

Phil Spencer, vice presidente esecutivo del Gaming in Microsoft, tempo fa aveva indicato Google e Amazon come i veri concorrenti di Xbox. Il motivo dietro questa dichiarazione è il progressivo cambiamento di paradigma videoludico a cui stiamo assistendo. Si sta passando da un sistema in cui lo scopo era quello di vendere console e giochi, ad un modello di vendita di servizi.

È una situazione molto simile a quella a cui abbiamo assistito tra TV a pagamento e Netflix. Se prima si pagava ogni singolo film visto su Sky Prima Fila, ora si tende ad aprire Netflix o Amazon Prime per guardare cosa è disponibile nel catalogo. Ma questo non ha portato alla scomparsa delle pay tv, solo ad una loro trasformazione. E proprio come nell’ambito televisivo, è molto probabile che nel mondo videoludico vedremo nei prossimi anni una convivenza delle due soluzioni, con un progressivo spostamento verso i servizi online.

Ed è proprio in vista di questo cambiamento nel mercato che Spencer ha indicato Google ed Amazon come concorrenti, ossia le due aziende con le piattaforme cloud più avanzate al mondo insieme a Microsoft.

Lo scopo attuale di queste aziende è quello di rendere disponibili i propri giochi ad un pubblico più ampio possibile, indipendentemente dalla piattaforma sul quale giocano. L’unico modo per rendere tutto questo possibile, è il gioco in streaming, dove basta una connessione ad internet, un controller e si può giocare a qualsiasi gioco in qualsiasi momento. E le uniche aziende che in questo momento possono pensare di raggiungere questo scopo sono proprio Amazon, Microsoft e Google.

Se cercate altri approfondimenti legati al mondo della tecnologia, seguite Posizione Zero anche su Facebook ed Instagram e troverete molte altre informazioni!

Cover forto by Amazon

Tags: ,

Related Article

0 Comments

Rispondi