domenica, Febbraio 28, 2021
Tempo di lettura: 3 minuti

Dalla serie di romanzi “The Enola Holmes Mysteries” di Nancy Springer, l’adattamento cinematografico prodotto da Netflix, con protagonista la sorella di Mycroft e Sherlock Holmes.

Regia: Harry Bradbeer;

Anno: 2020;

Cast: Millie Bobby Brown, Henry Cavill, Sam Claflin, Helena Bonham Carter, Luois Partridge;

Durata: Due ore e tre minuti;

Genere: Avventura, Dramma, Mistery

Streaming: Netflix

Enola Holmes (2020): Recensione,trama e cast film netflix

Nel nuovissimo film Netflix, Enola (Millie Bobby Brown), sorella del detective più famoso della storia del giallo, cresce con Eudoria, la madre rimasta vedova (Helena Bonham Carter), lontana da tutto e da tutti, in una campagna londinese. I due fratelli di Enola, Sherlock (Henry Cavill) e Mycroft (Sam Claflin), sono fuori ormai da anni. A fare loro da compagnia ci sarà solamente Mrs. Lane, la domestica.

Enola Holmes': Netflix's #1 Star Outshines Netflix's #2 Star
da sx: Sherlock Holmes, Enola Holmes, Mycroft Holmes

Eudoria cresce sua figlia senza mai abbandonarla, insegnandole le arti marziali, la matematica, il pensiero deduttivo e tutto ciò che le possa servire in futuro; nonostante la sua presenza, non fa altro che ricordare a Enola un monito particolare: “nella vita devi cavartela da sola”. Enola interiorizzerà quest’avvertimento solamente quando, allo scoccare dei suoi sedici anni, la madre decide di scappare di casa senza alcun preavviso, lasciando così la piccola da sola.

Una settimana dopo Enola ha appuntamento coi suoi fratelli in stazione, Mycroft (suo tutore legale) e Sherlock, e insieme fanno ritorno a Ferndel Hall, casa loro. Mycroft decide di portare Enola all’educantato perché indisciplinata e volgare; Sherlock invece, ne riconosce subito le doti e la spiccata intelligenza. Prima di partire per l’educantato, Enola scopre che la madre le ha lasciato degli indizi su dove possa essere andata; grazie ad alcuni giochi di parole di cui Enola è appassionata (Enola al contrario significa “alone”) scappa di casa con un solo obiettivo: ritrovare la madre.

ENOLA HOLMES”: A new game afoot | Butler's Cinema Scene

Da qui incomincia l’avventura più grande di Enola Holmes, che attraverso varie peripezie e facendo conoscenze negative e non, si affaccerà per la prima volta fuori dalle mura di casa, conoscendo anche un giovane lord (Louis Partridge) in fuga dalla sua famiglia.

Film per adulti o adolescenti?

Il film prodotto da Netflix, firmato Harry Bradbeer (Flaebag, 2016), e sceneggiata da Jack Thorne (His Dark Materials, Netflix 2019) assume fin da subito una tinta adolescenziale. Enola Holmes è un film che funziona sì, ma solo per il target a cui si rivolge. La pellicola punta tanto/tutto sul potere e sull’emancipazione femminile (temi caldi al giorno d’oggi) e sull’attrice protagonista: Millie Bobby Brown, famosa ai più per l’interpretazione di Eleven in Stranger Things. Il film è tutto suo; forse fin troppo, togliendo tanto spazio a un Henry Cavill un po’ impacciato nei panni di Sherlock Holmes e a un buon Sam Claflin.

Fin dal primo istante del film, si nota un particolare che ci porteremo dietro per tutta la durata della pellicola. Enola sfonda subito la quarta parete, rivolgendosi al pubblico, guardandolo, facendogli smorfie per dirgli “hey, tranquilli, la situazione è sotto controllo” e addirittura arrivando al punto di fare domande (per un attimo mi sono sentito all’interno di una puntata di Dora l’esploratrice). L’espediente dello sguardo in camera e delle parole rivolte all’ipotetico pubblico è bello se ben utilizzato e ben dosato; in questo film però viene davvero usato troppe volte, arrivando al punto di stancare e di sembrare ridicolo.

Enola Holmes' Celebrity Louis Partridge Breaks Down Tewksbury's Feelings  For Enola: He '' Trusts' Her - Entertainment Overdose
Enola Holmes e Lord Tewkesbury

La sceneggiatura funziona se quella a cui ci apprestiamo è una visione senza impegno; cosa invece che non funziona sono le scene d’azione, che sono messe tanto per movimentare un po’ la pellicola, ma senza grande successo.

Dunque il film è molto fedele agli eventi del romanzo originale e non ha avuto il coraggio di staccarsi, perdendo la possibilità di dare un tocco di personalità in più ad alcuni personaggi che passano totalmente inosservati.

Ciò che resta è un’eroina per teenagers, che male non fa; specialmente se l’intenzione di Netflix è quella di creare un serie di film che narrano le gesta di Enola Holmes.

Se cercate altri approfondimenti legati al mondo del cinema, seguite Posizione Zero anche su Facebook ed Instagram e troverete molte altre informazioni!

Tags: ,
Antony nasce a metà degli anni 90, in un caldissimo pomeriggio d'agosto; durante la sua vita cresce, impara a camminare, a correre e a traslocare. L'ultimo trasloco l'ha catapultato a Torino, facendolo diventare studente di Comunicazione. Nel tempo libero scrive perché scrivere è la sua più grande passione: scrive di cinema e scrive racconti qui(https://antonymandaglio.wordpress.com/), ma nonostante ciò non ha ancora imparato a scrivere la sua biografia. Procrastinatore seriale.

Related Article

0 Comments

Rispondi