domenica, Febbraio 28, 2021
Tempo di lettura: 3 minuti

Il nuovo gioco degli Xbox Game Studios, sviluppato da Asobo Games, è una vera e propria vetrina per alcune tecnologie destinate ad impattare moltissimi ambiti.

Il nuovo simulatore di volo

Martedì 18 Agosto Microsoft Flight Simulator è stato reso disponibile su Microsoft Store e Steam. Il gioco è la nuova iterazione della storica serie Flight Simulator, che non vedeva un nuovo capitolo dal lontano 2006.

Il gioco è un vero è proprio simulatore di volo, che simula con grande realismo la fisica di un buon numero di aeroplani. Si possono guidare aerei piccoli come un Cessna 208 B Grand Caravan ma anche giganti dell’aria come il Boeing 747-8 Intercontinental. Se interessati, qui trovate la lista completa.

A series of general aviation and commercial aircraft flying in unison above three different areas with different climates, bordered by triangles. In the center, slightly diagonal, is the Microsoft Flight Simulator title.
La copertina del gioco

È possibile esplorare l‘intero globo e decollare o atterrare dalla quasi totalità degli aeroporti del mondo. La community di appasionati ha già dato vita a voli ed esperienze di ogni tipo. Ad esempio, tre streamer hanno eseguito in diretta un volo di 16 ore dandosi il cambio alla guida (video disponibile qui).

Ma per tutti i non appassionati di simulatori di volo, l’interesse è scaturito delle tecnologie che permettono a questo gioco mastodontico di funzionare.

La costruzione delle mappe

Ricostruire e rendere esplorabile l’intero pianeta è un impresa quasi titanica. Per quanto Asobo Studio avesse a disposizione Bing Maps che mappa quasi tutto il globo, costruire un modello 3D di tutta la Terra e renderlo fruibile per i giocatori è tutto un altro paio di maniche.

L’approccio utilizzato per risolvere questo problema è estramemente interessante. Microsoft ha sviluppato, con la collaborazione di Blackshark.ai, un sistema che sfrutta il cloud di Microsoft Azure e l’intelligenza artificiale per generare modelli fotorealistici di palazzi, terreno, alberi, ecc. La tecnica utilizzata è la fotogrammetria 3D, che consiste nel ricavare dei dati metrici di un oggetto tramite l’acquisizione e l’analisi di una coppia di fotogrammi stereometrici.

In pratica, partendo da mappe ed immagini satellitari e sfruttando la potenza del cloud combinata con l’intelligenza artificiale, Microsoft è stata in grado di costruire il modello 3D dell’intero pianeta.

Ma non solo, Microsoft ha anche deciso di rendere il modello 3D pubblicamente disponibile su Bing. Questo va a potenziare incredibilmente un servizio fino ad ora poco usato e surclassato da Google Maps.

Come si può vedere dal video sotto, il colpo d’occhio è veramente notevole, a riprova della qualità del lavoro svolto da Asobo Studio.

Per rendere ancora più convincenti le esperienze di decollo ed atterraggio, una ventina tra i principali aeroporti del mondo sono stati totalmente modellati a mano, riportando ogni singolo dettaglio.

I dati in tempo reale

Una volta modellato l’intero pianeta Terra, il problema diventa renderlo navigabile senza richiedere un super calcolatore ad ogni giocatore.

Si stima, infatti, che l’intero modello 3D a disposizione degli appassionati occupi circa 2 petabyte, ossia circa 2000000 gigabyte. Ovviamente la grande maggioranza delle persone non ha a disposizione una memoria del genere. Microsoft ha deciso, quindi, di far caricare ai giocatori solo una piccola parte della mappa e fare lo streaming delle parti mancanti man mano che queste vengono esplorate. Di fatto, il nuovo simulatore di volo ha una struttura mista dove quasi tutta la computazione viene fatta in locale, ma gli asset vengono caricati dal cloud.

Ma Microsoft ha deciso di sfruttare fino in fondo il collegamento del gioco ad Azure. Per esempio, si può impostare di ricevere i dati meteo in tempo reale e giocare con il clima e le condizioni metereologiche effettivamente presenti in quel preciso istante. Oppure è possibile impostare la condivisione in tempo reale degli aerei in volo in ogni momento. In pratica, si potrà avere l’impressione di muoversi realmente nel mondo in cui viviamo, con il meteo, gli aerei e le condizioni effettive.

Guardando le tecnologie utilizzate, il caso di Microsoft Flight Simulator è destinato a fare scuola. Dimostra, infatti, come anche i videogiochi possano giocare un ruolo determinante nell’utilizzo ed avanzamento tecnologico. Ma allo stesso tempo, dimostra anche come tecnologie quali il cloud streaming e l’intelligenza artificiale si stiano ormai diffondendo in ogni ambito ed applicazione .

Se cercate altri approfondimenti legati al mondo della tecnologia, seguite Posizione Zero anche su Facebook ed Instagram e troverete molte altre informazioni!

Tags:

Related Article

0 Comments

Rispondi