domenica, Febbraio 28, 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

Le offerte di acquisto vincenti per Brooks Brothers sono state lanciate da Authentic Brands Group (Abg) e Sparc Group Llc.

Questa primavera Brooks Brothers ha annunciato che avrebbe chiuso i suoi tre stabilimenti negli Stati Uniti, compreso lo stabilimento di Southwick ad Haverhill, che impiegava oltre 400 persone. In un procedimento fallimentare, la scorsa settimana ha acconsentito a una vendita di 325 milioni di dollari al proprietario del centro commerciale Simon Property Group e ad Authentic Brands Group.

Fonte: Google Maps

Gli acquirenti si impegneranno a continuare a gestire almeno 125 punti vendita Brooks Brothers. Prima della pandemia, la società gestiva 424 negozi al dettaglio e outlet a livello globale, di cui 236 negli Stati Uniti, secondo i documenti del tribunale.

Leggi anche: Camicia button down: storia di uno stile senza tempo

L’offerta per Brooks Brothers proviene da un’entità nota come SPARC Group, una joint venture tra Simon Property e Authentic Brands Group. Negli ultimi anni il proprietario del centro commerciale e ABG hanno stretto accordi per acquistare altri brand in bancarotta, tra cui la catena di adolescenti Aéropostale e il colosso del fast fashion Forever 21. SPARC ha anche presentato un’offerta per Lucky Brand , l’azienda di denim che ha dichiarato bancarotta il mese scorso. ABG è nota per aver acquisito la proprietà intellettuale di marchi come Barneys New York e Sports Illustrated, quindi concedere in licenza i loro nomi ad altre società e guadagnare royalty dai prodotti correlati.

Una storia immensa

Quel che è certo è che la storia di Brooks Brothers ha un fascino ed una eleganza immensa. E’ il più antico marchio di abbigliamento in attività continua negli Stati Uniti e ha una reputazione rara e leggendaria. Ha vestito tutti tranne quattro presidenti risalenti a James Madison, è stato indossato da Clark Gable e Andy Warhol ed è il capo d’abbigliamento ufficiale della Jazz at Lincoln Center Orchestra. Abraham Lincoln indossava un cappotto Brooks Brothers la notte in cui è stato assassinato.

Abraham Lincoln vestito Brooks Brothers

Negli ultimi due decenni il marchio è stato preso dall’industriale italiano Claudio Del Vecchio, che lo ha acquistato nel 2001. Martoriato dall’aumento dell’abbigliamento da lavoro più casual e dal passaggio alla vendita al dettaglio online, il brand ha continuato a perdere, spingendo quindi ad una ricerca per nuovi acquirenti o investitori. Sono stati accertate che le sue entrate hanno superato i 991 milioni di dollari per l’anno fiscale terminato nel 2019, di cui circa un quinto proveniva dalla sua attività di e-commerce in Nord America.
La pandemia ha inferto un nuovo e inaspettato colpo a Brooks Brothers, dove non solo i suoi negozi erano temporaneamente chiusi, ma lo erano anche gli uffici di molti dei suoi clienti. Le vendite per cerimonie, matrimoni, lauree ed altre occasioni speciali sono andate perdute.

Se cercate altri approfondimenti legati al mondo della moda, seguite Posizione Zero anche su Facebook ed Instagram e troverete molte altre informazioni!

Tags:

Related Article

0 Comments

Rispondi