domenica, Febbraio 28, 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

L’azienda di Redmond è in trattative per acquistare TikTok, il social network più in voga tra i giovani. Pare che anche il presidente Donald Trump possa giocare un ruolo nell’acquisizione.

I motivi di Microsoft

Come riportato da WindowsCentral, il gigante statunitense ha confermato ufficialmente di essere in trattative avanzate con la cinese ByteDance per l’acquisizione di TikTok. Nella strategia di Microsoft, l’acquisizione di un social network orientato ai giovani andrebbe a riempire una mancanza nell’offerta.

L’azienda guidata da Satya Nadella non è mai riuscita a proporre un social network attrattivo per gli utenti consumer. Microsoft, infatti, possiede Yammer e Linkedin, che la rendono leader nel mercato business, ma con una possibile acquisizione di TikTok entrerebbe in un nuovo mercato.

Il social network cinese, infatti, rappresenta un valore strategico soprattutto grazie ai dati che raccoglie. Per Microsoft acquistare TikTok vorrebbe dire principalmente avere accesso ai dati ed alle preferenze di un’utenza che in questo momento gli è estranea.

I proclami di Trump

TikTok, come abbiamo riportato in un articolo precedente, è stata soggetta ad aspre critiche per la gestione della privacy degli utenti. La società che controlla il social network, la cinese ByteDance, si trova coinvolta nella “guerra fredda” in atto tra Stati Uniti e Cina. Come riporta Bloomberg, Donald Trump ha dichiarato che a breve “bandirà” l’applicazione dal territorio americano.

Tecnicamente non è chiaro come Trump possa implementare un blocco di questo genere. L’unico precedente tra i paesi economicamente più sviluppati, è il Great Firewall cinese, che controlla tutto il traffico internet bloccando l’accesso ad alcuni contenuti.

Un’azione di questa portata, obbligherebbe Microsoft a bloccare l’acquisizione di TikTok. Nessuna grande azienda americana spenderebbe miliardi per un prodotto non funzionante negli Stati Uniti.

Lo scenario futuro

È molto probabile, però, che Donald Trump voglia obbligare l’azienda cinese a cedere tutte le operazioni negli Stati Uniti ad un’azienda americana, e che il ban sia solo un mezzo per raggiungere lo scopo. Anche se attualmente Microsoft ha messo in pausa l’acquisizione di TikTok, è chiaro che potrebbe sfruttare la minaccia di Trump per acquisire parzialmente o integralmente la proprietà del socal network.

TikTok, dal lato suo, ha smentito tutti i rumor, confermando, anzi, il progetto di incremento dell’impegno negli Stati Uniti anche in termini occupazionali.

Si vocifera anche che la società cinese abbia intenzione di spostare la sede legale dell’azienda a Londra. Un’operazione di questo tipo, obbligherebbe TikTok a sottostare alla legislazione inglese in fatto di privacy e, in questo modo, Donald Trump si ritroverebbe costretto a ritirare il ban. Questo, comunque, non intaccherebbe in alcun modo la volontà di Microsoft, per cui l’acquisizione di TikTok resterebbe un’opzione più che plausibile.

Se cercate altri approfondimenti legati al mondo della tecnologia, seguite Posizione Zero anche su Facebook ed Instagram e troverete molte altre informazioni!

Tags: ,

Related Article

0 Comments

Rispondi