domenica, Febbraio 28, 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

Per la prima volta oltre Nike e Adidas, anche i brand di lusso hanno fatto sentire la loro voce a sostegno del movimento Black Lives Matter

Tutto il mondo è in protesta per la morte di George Floyd. Il giovane afroamericano ucciso il 25 maggio dopo che l’agente di polizia di Minneapolis lo ha immobilizzato, tenendogli premuto il collo con il ginocchio per sette minuti, mentre era ammanettato.
Si sono riaccese le proteste del movimento Black Lives Matter che oggi chiede giustizia per Floyd, ma che dal 2013 ha un obbiettivo ben preciso:
combattere le discriminazioni razziali nei confronti della comunità nera.

Nike e Adidas le prime ad esporsi

Le prime a fare dichiarazioni sono due storiche “rivali”.
“Per una volta, non farlo”, è il messaggio di un video che Nike ha pubblicato, contraddicendo lo slogan ‘Just do it’.

Non si fa attendere il colosso Tedesco che si unisce in protesta attraverso un messaggio ben chiaro:
“Insieme è il modo per andare avanti. Insieme è il modo per cambiare”.

Le risposte dal mondo del lusso

Gucci, Alexander McQueen, Louis Vuitton, per citarne qualcuno, sono diversi i brand colpiti durante le manifestazioni. Negozi presi di mira e saccheggiati. Proteste che diventano vere e proprie zone di guerra. Non si fanno attendere però le risposte dal mondo della moda.

Louis Vuitton

Dopo le tante critiche ricevute durante il lookdown per il lancio della nuova borsa “Pont 9”, anche durante la protesta il brand francese è tra i più colpiti.
Sul profilo ufficiale instagram il brand ha condiviso un video di un uomo nero a cavallo, il cui messaggio recita: “Apporta un cambiamento. Libertà dal razzismo per la pace, insieme. #BlackLivesMatter“.

Gucci

Gucci si è affidata alle parole dell’artista nera Clea Wade. “Dobbiamo porre fine al razzismo. Inizia curandolo nella tua famiglia“.

View this post on Instagram

Words by @cleowade

A post shared by Gucci (@gucci) on

Non è bastato questo gesto per evitare che il negozio su Rodeo Drive a Beverly Hills fosse preso di mira.

Prada

Anche il gruppo Prada condanna ogni forma di discriminazione.
Su Instagram viene pubblicato questo messaggio:
“Il gruppo Prada è oltraggiato e rattristato dalle ingiustizie che la comunità nera deve affrontare e sostiene con fermezza e solidarietà la lotta al razzismo. Alziamo la voce e continuiamo a lavorare con il nostro Consiglio per la diversità e l’inclusione per la giustizia razziale nel mondo“.

La lettera pubblicata da Cfda

Anche la Camera nazionale della moda americana si è mossa, rilasciando un importante comunicato in merito ai fatti accaduti: “Il nostro settore è in sofferenza e non basta dire semplicemente che siamo solidali con coloro che sono discriminati. Dobbiamo fare qualcosa”.

View this post on Instagram

Given the deplorable acts of racism and violence that we have seen play out in our country over this past week, our response as an organization was first and foremost on our minds and in our hearts. Black people in this country are reeling from years of injustice stemming from institutional constructs such as slavery, segregation, mass incarceration, police brutality and economic and voter suppression. The Black community is experiencing anger and frustration on top of the effects of the global pandemic that has hit communities of color the hardest. Having a clear voice and speaking out against racial injustice, bigotry and hatred is the first step, but this is not enough. It is not enough to simply say that we stand in solidarity with those who are discriminated against. We must do something. The CFDA outlines initiatives that will immediately be undertaken to create systemic change within our industry: • The CFDA will create an in-house employment program specifically charged with placing Black talent in all sectors of the fashion business to help achieve a racially balanced industry. This program will be tasked with identifying Black creatives and pairing these individuals with companies looking to hire. • The CFDA will also create a mentorship program and an internship program focused on placing Black students and recent graduates within established companies in the fashion sector. • The CFDA will implement and make available to our members a Diversity and Inclusion training program. • We will make immediate contributions and take up fundraising activities in support of charitable organizations aimed at equalizing the playing field for the Black community such as, but not limited to the NAACP and Campaign Zero – amongst others. We urge each and every member of the CFDA to take stock of their corporate structure to ensure that they have a racially balanced workforce and we challenge the retail sector of the fashion industry to ensure that their roster of brands and their product assortment is representative of the Black talent in our industry. Sincerely, Tom Ford, Chairman Steven Kolb, President & CEO #blacklivesmatter

A post shared by cfda (@cfda) on

Questi sono solo alcuni dei messaggi lanciati dal mondo della moda che si schiera a favore degli afroamericani e dice stop al razzismo.
Un impegno che va portato avanti con costanza e determinazione per combattere un fenomeno che purtroppo è ancora troppo diffuso.
La moda può e deve dare il suo contributo, grazie anche al potenziale di cui il settore dispone.

Se cercate altri approfondimenti legati al mondo della moda, seguite Posizione Zero anche su Facebook ed Instagram e troverete molte altre informazioni!

Tags:

Related Article

0 Comments

Rispondi