venerdì, Febbraio 26, 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

C’è un piatto che, più di tutti, è entrato nel cuore delle star italiane e, pensate un po’, è un piatto di pasta relativamente semplice da realizzare, ma dal gusto davvero unico: i paccheri Da Vittorio.

Vi potrà sembrare strano ma questo è il piatto simbolo del ristorante Da Vittorio, che è uno degli undici ristoranti in Italia a poter vantare il massimo riconoscimento gastronomico, le tre stelle Michelin. Il locale, aperto più di 50 anni fa, prende il nome dal suo fondatore ormai scomparso Vittorio Cerea, a cui i figli Enrico e Roberto, che proseguono la tradizione familiare in cucina, hanno voluto dedicare questo piatto.

Il primo, mai banale, ingrediente è ovviamente la pasta: i paccheri sono una pasta tipica della tradizione napoletana, dalla forma simile a quella dei maccheroni, tipicamente realizzata con semola di grano duro. Il termine pacchero è, tra l’altro, usato in alcune accezioni dialettali per indicare degli schiaffi a mano aperta, un po’ come quelli dello chef Cannavvacciuolo per intenderci!

Fonte: Wikipedia

Passando alla salsa, questa è realizzata con tre diversi tipi di pomodori:

  • Pomodori pelati San Marzano
  • Pomodori ciliegini
  • Pomodori piccadilly

Dopo aver messo dell’olio in pentola e averlo fatto insaporire con dell’aglio prima vengono messi a cuocere i pelati e i ciliegini, poi, dopo una ventina di minuti, si aggiungono i piccadilly. Successivamente la salsa viene frullata con l’aiuto di un frullatore a immersione, ed è proprio questo passaggio a conferirle quel colore tipico tendente all’arancione.

Fonte: DaVittorio

L’ultimo passaggio rimasto è quello della mantecatura in padella. Oltre ai paccheri e alla salsa vengono incorporati del burro a tocchetti, del parmigiano reggiano riserva stagionato 22 mesi e del basilico. Questo procedimento viene effettuato direttamente in sala davanti agli occhi dei clienti, qui sotto potete vederne un esempio.

Volete riprodurre questo piatto a casa vostra? Niente di più semplice, e avete ben due alternative. Qui di seguito trovate la ricetta spiegata da Roberto Cerea in persona, con le relative dosi.

Alternativamente è possibile comprare, direttamente dal sito del ristorante, una box con tutti gli ingredienti necessari, che comprende anche il bavaglione fornito ai commensali quando viene servito il piatto. Sicuramente un bel regalo da fare ad un appassionato di cibo!

Fonte: DaVittorio

Se cercate altri approfondimenti legati al mondo del cibo, seguite Posizione Zero anche su Facebook ed Instagram e troverete molte altre informazioni!

Cover image by: PassioneGourmet

Tags: , , , ,
Faccio l'ingegnere in attesa di partecipare a Masterchef e poi aprire un bistrot tutto mio!

Related Article

0 Comments

Rispondi