domenica, Febbraio 28, 2021
Tempo di lettura: 2 minuti

Nella giornata di ieri 12 Maggio 2020, si è celebrato il venticinquesimo anno di morte di una delle più grandi voci della musica italiana. Mia Martini.
Domenica Rita Adriana Bertè, in arte Mia Martini (Mia in onore di Mia Farrow, attrice statunitense per cui stravedeva e Martini come il liquore), è una delle artiste italiane più importanti che la nostra storia abbia mai avuto, ma questo non devo di certo dirlo io.

Oltre ad esser dotata di una voce straordinaria e di un timbro rauco e graffiante (dovuto in parte al problema alle corde vocali avuto in giovane età e in parte al fumo) Mia era un’anima fragile e tormentata, tanto da esser stata in parte distrutta dal pubblico che cominciò a far circolare voci non molto positive sul suo conto (in quanto il manager Giancarlo Dentice morì in un incidente d’auto subito dopo la sua esibizione di “E non finisce mica il cielo” a Sanremo 1982 e Mia, che era in quella macchina, si salvò).

Oltre alle negative voci inerenti la sfortuna (tutti si allontanavano alla sua sola vista) l’artista era nota anche per la tormentata e difficile storia con il cantautore Ivano Fossati.

Questi scontri e la gelosia di Fossati fecero si di stroncare totalmente un’esecuzione da parte di Mia di un testo che uno dei suoi grandi amici che gli stettero vicino anche nel buio momento del ritiro dalle scene, le aveva dedicato. Questo grande amico era Pino Daniele e il testo era quello di “Un pò di tutto” che interpretò la sorella Loredana Bertè qualche tempo dopo.

Il rapporto tra Mia Martini e Pino Daniele andava oltre quello che è stato il loro legame professionale mai sbocciato. Infatti, tra i due vi era molta stima, affetto e rispetto.


Fonte: vocedinapoli.it
Tags: , , , ,
Avete presente quelle persone che cambiano da un giorno all’altro? Ebbene, per quanto possa sembrare un aspetto negativo,questo sono io. Fino ai 18 anni son stato praticamente il classico ragazzo pieno di problemi, che non interagiva praticamente con nessuno salvo qualche rarissima eccezione. Post diploma sono Andrea, uno studente di Scienze della comunicazione ovvero una formazione che apre all’interazione tra persone e alla comunicazione di massa. Ironico, vero? Ho una grande passione per la musica (in particolare Rock) e spero di far trasparire questo mio interesse al meglio.

Related Article

No Related Article

0 Comments

Rispondi